venerdì 19 giugno 2015

Dark Skye di Kresley Cole


Nonostante il prezzo dei libri della Cole continui ad aumentare (non so se ve lo ricordate, ma i primi volumi venivano intorno ai €10), è impossibile resistere alla Cole, quindi eccomi qui a parlarvi del suo ultimo meraviglioso libro, arrivato oggi in cartaceo.

Titolo: Dark Skye
Titolo originale: Dark Skye
Autore: Kresley Cole
Editore: Leggereditore
Data di Pubblicazione: 18 giugno 2015
Pagine: 440
Prezzo: € 16.00
Trama: Nonostante siano passati secoli da quando ha perso l'unica donna che abbia mai desiderato, Thronos, principe di Skye Hall, sa che il tempo non potrà mai lenire l'eterno bisogno di lei. Il desiderio di ritrovarla diventa un'ossessione, capace di distrarlo pericolosamente dalle vicende politiche del suo clan, i vrekener. Lei è Lanthe, una potente maga che ora sembra aver perso il controllo delle sue abilità. Nonostante tenti di negarlo, soprattutto a sé stessa, non ha mai dimenticato Thronos, l'angelo caduto che l'ha protetta fino alla notte in cui la violenza ha preso il sopravvento... Da quel momento, tutto è cambiato. Le rispettive famiglie si sono dichiarate un'eterna guerra, e Thronos e Lanthe sono diventati nemici giurati. Ma sotto le braci del legame che li ha uniti in passato continua ad ardere la passione, una passione più forte dell'odio, che forse può scacciare anche i dubbi più cupi.

Voto: 


La mia opinione: Inizialmente questo libro mi attirava il giusto. La Cole è fantastica e molto comica e questo era quello che più avevo voglia di leggere: il suo stile, il suo modo di rendere i personaggi. Perchè indipendentemente dalla storia la Cole è sempre la Cole.
Lanthe non è un personaggio che mi ha mai attirato particolarmente, la storia del vrekner poi mi interessava pochissimo, ma sentivo davvero il bisogno di un libro della Cole e quindi ho ceduto. Sono rimasta piacevolmente sorpresa leggendolo, i personaggi che non mi attiravano, mi sono invece piaciuti moltissimo. Mi è piaciuta Lanthe e mi è piaciuto da morire Thronos. Mi è piaciuta la descrizione di questi incredibili mondi in cui viaggiano, di Pandemonia, la stanza d'oro... lei che si struscia su Thronos perchè ha qua e là la polvere d'oro ... cavoli quanto mi ha fatto ridere, solo la Cole può. E quasi alla fine del libro, la lettera di Lothare? Cavoli se ero piegata in due...
Mi è piaciuto molto il personaggio di Nix in questo libro, al di là delle battute (tra il pipistrello e la botta in faccia è una cosa unica), appare molto più complessa di quanto non sembri e ci mostra lo scorcio di un disegno più ampio, che vede le due fazioni unite a combattere un nemico ancor più grande l'un dell'altra. Ti chiedi quasi perchè Nix voglia diventare una Dea, è chiaro ormai che non è solo vanità o divertimento, è il suo modo di compiere un piano, di rendere possibile qualcosa, e ti chiedi cosa.
Insomma, in conclusione, la storia è interessante, brillante e divertente e nonostante non sia questo tripudio di originalità, presenta ambientazioni decisamente originali e affascinanti. 

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento