lunedì 23 giugno 2014

Soredemo Sekai wa Utsukushii di Dai Shiina


<<Possiedi il mondo intero, ma non l'hai mai guardato davvero. Che spreco>>

Hakusensha sei la mia assoluta rovina! Oggi, senza nessuna ragione oltre la noia, ho fatto un salto a dare un'occhiata e mi sono ritrovata davanti a una quantità di disegni di manga potenzialmente interessanti. Se fossi stata la mia gatta mi si sarebbero mosse le orecchie e dilatate le pupille (reazione che ha quando vede qualcosa muoversi, proprio prima di acquattarsi per attaccare).  XD
Insomma, ero curiosissima e quanto mi ci è voluto secondo voi per essere conquistata da quello che ho "estratto dal mazzo"? Risposta: meno di un minuto!
Così in mattinata mi sono trovata a cercare qualche notizia su Soredemo Sekai wa Utsukushii, a guardarmi tutti gli episodi dell'anime e a leggermi il manga in inglese.... 


Informazioni generali:

Soredemo Sekai wa Utsukushii, liberamente traducibile in "Il mondo è ancora bellissimo" è l'ultimo manga di Daii Shiina, autrice praticamente sconosciuta qui in Italia. 
Pubblicato dalla rivista Hana to Yume dell'Hakusensha a partire dal 2011, il manga è tutt'ora in corso e per ora ha all'attivo ben 7 takobon (qui accanto vedete la copertina del terzo, era quella che mi piaceva di più). 
Oltre al manga quest'anno, ma non so a che punto del 2014, è uscito anche l'anime, per ora arrivato al 12° episodio e tutt'ora in corso anche quello. 
La storia è definibile come una love story fantasy dalle tinte decisamente comiche. Ambientata in un altro mondo di pura fantasia, non presenta elementi particolarmente fantasy a parte i poteri della protagonista. Niente tecnologia, le comunicazioni avvengono via lettera, le navi sono velieri e i mezzi di trasporto sono cavalli, carri o carrozze. Gli abiti sono a volte moderni a volte in stile Ottocentesco (per lo più quelli da ballo). 

Trama: La storia narra le vicende di Nike, principessa del piccolo reame indipendente, il Pese della pioggia, dove vive serenamente insieme al padre, la madre e le sue tre sorelle. Tutto ha inizio quando al palazzo arriva una missiva da Re Sole, il re del paese del Sole che ha conquistato praticamente il resto del mondo. Il sovrano pone una richiesta: per mantenere la pace chiede che gli venga inviata una sposa. La prescelta, o meglio quella che ha perso a morra cinese, si imbarca quindi alla volta del paese del sole, ma quando arriva Nike si trova ad affrontare non pochi problemi per arrivare a palazzo reale. Già da subito scopriamo il carattere e il potere della protagonista: ben lungi dall'essere una ragazza indifesa, si dimostra forte, coraggiosa e magica! Infatti i nobili del popolo del Paese della Pioggia hanno un potere incredibile: posso controllare i fenomeni atmosferici e il vento con il loro canto.
Arrivata davanti al re la ragazza è a dir poco basita: l'uomo tanto temuto da tutti altri non è che un bambino che si presenta come Livius I°, le si avvicina con passo arrogante e le dice che se lei è stata fatta venire fin lì è perché lui si è annoiato del cielo costantemente sereno e vuole veder piovere. Infuriata, la ragazza reagisce in modo tutt'altro che comprensivo e viene quindi sbattuta nelle segrete, dove in un momento di riflessione si rende conto che per quanto ne abbia l'aspetto, il re non ha affatto lo sguardo di un bambino. La ragazza scappa dalla cella grazie ai suoi poteri e raggiunge il re, decisa a dargli una lezione con i fiocchi, ma la troppa fame la ferma. Qui Nike spiega a Livi che evocare la pioggia non è un trucco da quattro soldi, ma un rituale sacro per cui serve tempo e concentrazione. Per eseguirlo per lui ha bisogno che lui le faccia vivere "esperienze" ed "emozioni" che lei possa trasformare in un canto.

Il mio parere:
Non aspettiamoci qualcosa di eccelso, la storia per quanto interessante e appassionante, non è niente di particolarmente nuovo e presenta giusto qualche elemento vagamente originale, come i poteri di Nike (e ripeto: vagamente, perché non è la prima volta che cantando si influenza la natura). 
Ugualmente la storia prende moltissimo, io me ne sono innamorata.
Nel manga i disegni sono carini, niente di eccezionale però. Nell'anime a me sembrano migliori, oltre a questo è possibile apprezzare le canzoni che intona Nike e che sono molto belle. Oltre tutto nel maga Livi ha un aspetto più adulto che nell'anime.

Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento