venerdì 19 febbraio 2016

Leggenda d'amore di Leanne Banks


Oggi recensione di un libro (ho qualcosa tipo cinque recensioni di manga iniziate da concludere e un post sul nuovo otome della serie "Shall we date?", ma sono qui a parlare di libri...) di una delle mie autrici preferite: Leanne Banks.

Titolo: Leggenda d'amore
Autore: Leanne Banks
Editore: Harlequin Mondadori
Data di Pubblicazione: 13 Novembre 2015
Genere: romantico, commedia
Pagine: 415
Prezzo: €14.90
Trama:  Tra i membri della facoltosa famiglia Logan gira la leggenda che in amore loro siano molto sfortunati, tanto che trovare l'anima gemella è praticamente impossibile. Brock, Tyler e Martina pensano che forse è arrivato il momento di lasciarsi alle spalle queste vecchie dicerie e focalizzarsi unicamente sulla ricerca di qualcuno che li possa amare per ciò che sono e non, soprattutto, per ciò che rappresentano. Felicity, Jill e Noah sembrano essere disposti a sfidare il destino e a cercare la passione insieme agli affascinanti e magnetici rampolli Logan. Dopotutto al cuore non si comanda e la vita senza un pizzico di brivido non avrebbe alcun senso.


Voto: 


La mia opinione: Leanne Banks è brillante, divertente, sagace e appassionante... di solito. Questo libro, che racchiude ben tre racconti brevi, fa eccezione (enormemente eccezione)! Manca la scintilla (dove sei scintilla? Brilla!), non si accende nessuna lampadina, non c'è assolutamente niente di appassionante. Che cosa è successo? Non so dirlo neppure io.
Il primo racconto è assurdo, un uomo grande e grosso che crede in una maledizione? Sul serio? Almeno come personaggio è decente, anche se praticamente tutta la storia è solo un tira e molla con la protagonista femminile. Sta con lei, ma non possono avere nessun futuro, e perché? Ma per la maledizione! Le donne Logan lasciano sempre gli uomini.... Se, come no!
Il secondo racconto è pure peggio. Il fratello di Brock è praticamente uno stolker, insistente all'inverosimile, se fossi nella protagonista femminile l'avrei già mandato a quel paese tanto tempo fa. Non si può sopportare uno così, sul serio, è impossibile. Poi la cosa più irritante di tutte: lei all'inizio gli dice che è stanca e lui la costringe comunque a farsi un giro per il reparto pediatrico dell'ospedale (la protagonista doveva raccogliere fondi per un nuovo reparto sempre riguardante la pediatria), come se fosse una cosa da niente andare in giro a vedere bambini malati. Giuro, cosa è frullato nella mente della scrittrice per avere questa uscita non l'ho capito. u_u
Ma l'ultima storia è la peggiore: si regge totalmente sui patemi d'animo di una rincitrullita (scusate il termine) che è convinta per ragioni incomprensibili che il tizio che l'ha messa incinta sia un pessimo elemento. Lo stesso che appena saputo che lei era incinta (e lo scopre per caso, quando lei è al settimo mese di gravidanza e non gli ha detto mai un tubo della cosa a lui) le chiede di sposarlo, ed è deciso a conoscerla meglio e ad avere cura di lei visto che è incinta di suo figlio. Praticamente per lei fa di tutto e lei è un disco rotto insensato e irritante da morire che dice che non possono stare insieme perchè lui è prevaricante, oppressivo ecc... ecc.. (tra l'altro lui non lo è, per niente).
Che cosa è successo? Questa autrice è sempre stata divertente e brillante, è sempre riuscita a far ridere, aveva delle idee comiche ed era ironica. Anche qui mi aspettavo risate a non finire, invece... che delusione, noiose storie d'amore in cui l'amore non sai nemmeno come ha fatto a nascere. L'attrazione è okay, ma creare una storia d'amore credibile in 150 in cui uno non può vivere senza l'altro è tutt'altra cosa.
Ridatemi la vecchia Leanne Banks, vi prego!
Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento