mercoledì 30 ottobre 2013

Lettori compulsivi anobiani

Come lettrice superaccanita divoro all'anno un numero impressionante di libri. La ovvia conseguenza di questo comportamento è che la mia stanza è sovraffollata di libri. Ogni tanto penso che se continuo a questo ritmo finirò per dover fare una scelta: tenere il letto o dormire sui libri! I quali tra l'altro continuano ad aumentare e a riempire (con mia gioia e dolore) ogni angolo della stanza.
La cosa sconcertante infatti è che nonostante i libri letti, il numero di libri da leggere su anobii non accenna assolutamente a diminuire, ma anzi sembra dover aumentare sempre di più! Colpa mia che mi appassiono a saghe di ogni tipo, poi che fai? Non lo compri il secondo/terzo/quarto/esimo libro??? Ovvio che si! Non puoi certo lasciare la serie a metà! Sopratutto se ti piace! E se non ti piace... beh, una seconda opportunità di solito difficilmente si nega (ma non oltre la seconda, altrimenti si rischia di abbandonare il libro lì da una parte senza mai leggerlo!). E che dire di quegli autori che compri a occhi chiusi? Come fai con i loro libri che magari prendi perchè sai già che quell'autore è fantastico e poi a leggerli fai una fatica immane? SI accumulano, come gli altri, colorando gli scaffali con le loro copertine e riempiendo la stanza di storie da leggere e avventure ancora da vivere.
La libreria poi è una trappola mortale: c'è sempre una nuova copertina che ti attira, una nuova storia che sembra entusiasmante, un nuovo personaggio che ti intriga e un nuovo mondo da esplorare.
E cosi, inevitabilmente, il numero sale... anche se fai il possibile per farlo scendere.
Ho notato in me poi una sorta di reazione paradossale: leggo velocemente, sia perchè appassionandomi alle storie mi è difficile fare diversamente, sia perchè voglio far scendere più possibile il numero di libri da leggere.
Ma...! Ma quando il numero inizia a scendere verso i 65 o poco più, quando insomma ne ho meno di 70, mi prende una cosa strana, inizio a pensare che li sto finendo e allora succede l'inevitabile: compro quei libri che giudicavo solo carini e che avevo scartato perchè ne avevo già troppi da leggere. Di nuovo inevitabilmente il numero su anobii comincia a risalire in una sarta di circolo vizioso senza fine!
Tragico? Forse! Ma devo dire che non posso davvero essere giù di morale perchè ho tanti libri, vederli lì sugli scaffali, raggruppati per autore o per serie (perchè ormai si pubblicano solo serie) ha un che di profondamente rasserenante. Devo solo allungare la mano per sfiorare una chiave di carta e inchiostro che ti porta in un altro mondo.
Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento